Autonoma Mente

Print Friendly, PDF & Email

A partire dal mese di dicembre fino a marzo verrà attivato un laboratorio di alfabetizzazione informatica per avviare i ragazzi con Disturbi Specifici dell’Apprendimento delle classi prime della scuola secondaria di I grado alla conoscenza delle potenzialità offerte dai libri digitali e all’uso dei principali software compensativi gratuiti (sintesi vocale, programma per la realizzazione di mappe funzionali allo studio e l’esecuzione di esercizi su formato pdf.). La frequenza del progetto è aperta anche agli allievi con DSA delle classi seconde al fine di fornire un supporto continuativo nell’uso di tali strumenti, la cui sperimentazione è già stata avviata nel corso del precedente anno scolastico.

Il progetto risponde all’esigenza di promuovere per gli alunni con DSA l’utilizzo critico e consapevole di alcuni strumenti compensativi digitali; alla necessità di maturare un metodo di studio efficace e funzionale ad un apprendimento significativo e di potenziare strategie e metodologie di studio mediante la riflessione sulle proprie modalità di apprendimento e punti di forza. Si intende altresì informare gli allievi circa l’opportunità di utilizzare i libri di testo digitali e le modalità di lavoro rese possibili da questi.

Il progetto ha la finalità di rendere gli allievi maggiormente competenti e consapevoli nell’uso del computer e delle risorse multimediali, affinché possano effettivamente funzionare come mezzi per raggiungere l’autonomia, permettendo uno studio efficace e funzionale.

Gli interventi durante l’attività verranno personalizzati in base agli stili cognitivi di ciascuno al fine di potenziare l’area dell’autonomia e di incentivare negli allievi la pianificazione e l’organizzazione del compito in vista del risultato finale. In quest’ottica si intende promuovere un utilizzo inclusivo delle nuove tecnologie fornendo molteplici mezzi di rappresentazione della conoscenza così da consentire modalità di apprendimento diversificate, più congeniali e motivanti.

F.to La referente del progetto

Prof.ssa Silvia Furlanetto